Quanto ne sapete di link building ai tempi di Penguin?

Certamente non abbastanza, questo è quello che mi ripeto tutte le volte che cerco di capirne di più ma i tempi sono veloci e bisogna sempre stare al passo con i tempi.

Proprio per questo dobbiamo essere sempre informati e sapere che il link building è di vitale importanza.

Dobbiamo, però, mettere in conto che tutti i link che create devono essere giusti, altrimenti potrebbero esserci più danni che benefici al tuo sito. Se non sai come fare, è meglio che ti affidi ad aziende come innovando.it che sanno esattamente come procedere.

Che cos’è il link building?

Il link building si chiama anche backlink o backlinking.

Il termine si riferisce allo sviluppo di una strategia in base alla quale si creano collegamenti su altri siti che puntano al tuo di sito.

I collegamenti possono essere piazzati in altri siti Web o blog o possono essere aggiunti a directory o forum.

I back-link possono, oltretutto, essere banner pubblicitari o link inclusi nelle newsletter online.

Allo stesso modo, possono essere degli anchor test incorporati negli articoli che noi stessi scriviamo.

Perché il link building è importante?

Ci sono due ragioni per cui è importante:

  • Il modo in cui le persone trovano cose sul web è tramite link che puntano al sito che a loro interessa. Proprio per questo è bene avere link dappertutto che portino al vostro sito così che la gente sia in grado di trovarli ovunque. Ovviamente, il posto migliore per visualizzare il vostro link è nei risultati restituiti dai motori di ricerca, quasi tutto il traffico web è generato da questo tipo di ricerca.
  • I link sono importanti per qualsiasi ottimizzazione SEO. Google determina l’importanza di un sito in base al numero degli altri siti che si collegano ad esso. Prima era possibile acquistare backlink, scambiare link, o semplicemente fare un commento sul blog o sul forum con il tuo link incluso per migliorare l’autorità del tuo sito, ora non è più così.

Gli algoritmi di Google ora guardano solo i backlink di qualità.

Se il sito in cui si trova il tuo link è di scarsa qualità il tuo sito probabilmente verrà penalizzato nel rank di ricerca.

Quali e quanti sono gli algoritmi?

Gli algoritmi più usati sono quelli di Penguin e Panda.

L’algoritmo di Panda ha il proprio set di parametri che guarda il contenuto della pagina e lo classifica di conseguenza.

Panda esamina fattori come il rapporto tra annunci e contenuto, la quantità di contenuti, il layout della pagina, i collegamenti interrotti e così via.

L’algoritmo di Penguin esamina anche i fattori legato al contenuto del testo, alle parole chiave, al numero di anchor test, alla qualità dei link esterni o di quelli interni.

Insomma tutto.

Google non rende pubblico ciò che ogni algoritmo fa esattamente o come fa il suo lavoro per ostacolare chiunque cerchi di aggirare il suo sistema di classificazione delle pagine.

Queste sono le funzioni generali, non conosciamo tutti i trucchetti.

L’algoritmo Penguin controlla le parole chiave abbiamo detto e controlla anche ogni link esterno che trova in una pagina determinando se si tratta di un link di qualità o meno. Se il link punta a un sito di qualità, con contenuti pertinenti, il sito probabilmente ne trarrà parecchio vantaggio.

D’altra parte, se il collegamento punta a un sito di scarsa qualità sia sul sito in cui è stato trovato il collegamento sia sul sito di destinazione quasi certamente ne sarà penalizzato.

Penguin e Panda sono sempre in movimento, controllano sempre i siti, quindi vedono miglioramenti o peggioramenti in tempo reale.

Ciò significa che un sito con un elevato “page rank” può essere declassato in qualsiasi momento e viceversa.

Proprio per questo è necessario mantenere una costante vigilanza per assicurare che i collegamenti esterni e interni continuino a funzionare, che i collegamenti da e verso il proprio sito rimangano rilevanti, che le destinazioni di collegamento rimandino a siti di qualità, che nessun collegamento esterno reindirizzi il traffico e così via.

Come sviluppare una strategia di link building

Il posizionamento del link è molto importante ma  è ancora più importante che i link e i traffici dati siano realistici e reali.

I contenuti devono essere giusti per quello che è il nostro sito e i link, esterni e interni, devono portare i visitatori al nostro sito senza deviazioni di sorta.

Se vendiamo macchine per il caffè il link non deve portare il visitatore al nostro sito se a lui servono un paio di scarpe.

Questo può portare declassamenti e anche molti pochi affari, mettiamocelo in testa.

La strategia è molto importante, come le parole chiave.

Anzi, ci sono 4 tipi di strategia:

  • Interna: collegamenti che puntano a pagine diverse sul tuo sito
  • Organica: link al tuo sito web che compaio nei risultati di ricerca e sui qualcuno ha fatto click
  • Inbound: un collegamento su un altro sito che punta al vostro di sito
  • Outbound: un link che dal vostro sito rimanda a un altro sito

Tutte queste strategie vengono controllate e classificate da Penguin e Panda.

Allora perché creare una strategia di costruzione di link?

Perché essendo costantemente controllati c’è bisogno di una strategia che funzioni per avere un sito di alta qualità, senza sprecare tempo e denaro con mezzucci che portino solo a penalità e a declassamenti.

Ogni link messo ad hoc tra contenuti pertinenti o servizi giusti aumenta le possibilità di vendere.

Quindi non pensiamo solo all’aspetto SEO ma creiamo contenuti in grado di attrarre per qualità di testi e di link, così da restare ai vertici del ranking anche per gli algoritmi più stizzosi.

Bisogna creare traffico mirato, non bisogna pensare a riempire il sito di link o di parole chiave dimenticandosi del resto.

Quello che dobbiamo imparare è che i trucchetti ci riportano indietro, il nuovo modo di concepire internet non ama affatto la fascinazione dell’imbroglio, cerca la qualità ovunque, qualità che porterà anche i nostri siti ai vertici del ranking e che aumenterà in maniera sostanziale il volume di vendite del sito stesso.

Anche ai tempi di Penguin, soprattutto ai tempo di Penguin.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *