8 passi su come creare e gestire una Newsletter (Mailing List) di successo

E’ molto probabile che tua abbia sentito parlare di Newsletter (o di Mailing List, a cui personalmente do più o meno lo stesso significato), ed è anche molto probabile che tu abbia sentito parlare dei vantaggi che la gestione di una newsletter può avere per la tua attività online.

Ovviamente, quando parlo di gestione di una Newsletter significa parlare anche di una strategia di email marketing importante.

Ora, per raccontare quali sono gli effettivi benefici di una Mailing List, voglio raccontare come sia possibile creare e gestire una Newsletter (Mailing List) di successo facendo riferimento ad un sito che ho personalmente seguito (e continuo a farlo).

Poco meno di un anno fa, ho iniziato un progetto il cui scopo principale era quello di mettere in pratica le mie conoscenze di posizionamento.

Trovo molto bello studiare le strategie che servono per posizionare un sito in prima pagina, ed è altrettanto bello vedere e avere riscontro se quello che sai su Google funziona davvero.

Per questo motivo, ho iniziato a lavorare su un sito che fa parte di una nicchia super competitiva come quella delle diete!

La sfida era di quelle toste, ma con pazienza e metodo sono riuscito ad ottenere grandi risultatI in poco tempo.

Ad oggi il sito genera 70.000 visite mensili come l’immagine che segue dimostra:

CASE STUDY: Come creare e gestire una Newsletter di successo

Questa premessa mi è servita per parlare poi di quella che è stata la svolta (da un punto di vista economico) del sito, che poi si riallaccia al tema di questo articolo: come creare e gestire una Newsletter (Mailing List) di successo.

E per farlo nei migliore dei modi, ho deciso di riassumere quelli che sono stati i passaggi che io stesso ho seguito, fino a quello più importante, come guadagnare davvero alla fine di tutto il processo che sto per descrivere.

Infatti, ad oggi, sono stato in grado di raggiungere in pochissimo tempo oltre 10.000 iscritti che acquistano regolarmente i prodotti che propongo attraverso quel sito (che prima o poi svelerò, magari già alla fine di questo articolo…..).

Passo n 1: ottenere l’indirizzo email del visitatore

Il primo e necessario passo da seguire per costruire una mailing list è quello ovviamente di avere gli indirizzi email dei visitatori che passano per le pagine del sito.

I modi per ottenere tale indirizzo sono molto, è molto probabile che tu stesso, in un modo e nell’altro abbia inserito il tuo indirizzo in cambio di qualche particolare informazione.

Se non è così, è il momento giusto per farlo, ad esempio, cercando su internet qualche sito di tuo interesse che invia Newsletter con regolarità.

Per fare un esempio più pertinente al sito di cui sto parlando, io ho adottato uno stratagemma molto preciso per ottenere l’indirizzo dei visitatori.

All’interno del sito, è possibile compilare una form per ottenere il fabbisogno calorico giornalieri necessario per dimagrire.

Una volta che la form viene compilata, il visitatore non solo ottiene il valore calorico necessario, ma ha anche la possibilità di scaricare una dieta (fatta da un dottore dietista) personalizzata in base ai dati appena inseriti.

Nove utenti sui dieci che utilizzano questa form, inseriscono il proprio indirizzo email per poter ricevere in tempo reale la dieta personalizzata.

Un successo!

Ma non è il solo modo con cui riesco ad ottenere gli indirizzi email dei visitatori.

Attraverso il sito, utilizzo dei quiz, uso dei pop up e faccio scaricare degli ebook specifici per ottenere quello che voglio: l’indirizzo email del visitatore!

Ricordati quello che sto per dire: ottenere l’indirizzo email degli utenti fa tutta la differenza di questo mondo.

Un visitatore che passa dal tuo sito rimane un utente anonimo, un visitatore che lascia il suo indirizzo diventa un potenziale cliente.

Comprendi la differenza?

Come detto in precedenza, l’insieme di queste strategie (form, quiz, popoup ed ebook) mi hanno permesso di raccogliere l’indirizzo di oltre 10.000 (che aumentano di circa 100 unità al giorno) in poco tempo, meno di 6 mesi.

Continua a leggere questo articolo perché sto per svelarti altri interessanti strategie e numeri che una newsletter è in grado di generare….

Passo n 2: assicurati che quello che scrivi sia di valore

Imparare a gestire una newsletter è relativamente semplice. Generare in modo costante nuove idee e contenuti di qualità no!

Ecco perché, in questa sezione, ti racconto come ho affrontato e risolto questo tipo di problema, considerando soprattutto il fatto che dovevo scrivere a proposito di un settore, quello delle diete, che è lontano dalle mie conoscenze e passioni.

Non voglio nasconderlo, scrivere articoli di qualità per una nicchia che non si conosce e per cui non si ha nemmeno un briciolo di passione, è davvero difficile.

Ecco come ho fatto io.

Prima di tutto, ho fatto delle ricerche online cercando siti autorevoli che trattassero i temi che avevo deciso di sviluppare per il mio sito, e mi sono iscritto alle loro newsletter.

Dal momento che il mondo anglosassone è sempre un po’ più avanti rispetto a noi, ho cercato soprattutto siti autorevoli dai contenuti scritti in inglese.

Sia chiaro, non sto dicendo che non ci sono siti italiani autorevoli nel mondo delle diete, anzi, è che preferisco fare sempre così per i miei progetti. Prima di tutto leggo e mi documento su siti in lingua inglese.

Dopo aver accumulato un po’ di esperienza e di idee, ho cominciato a sviluppare dei contenuti di qualità da pubblicare come semplici articoli.

Ora, questo è un punto importante: quando qualcuno si iscrive alla newsletter del mio sito, riceve in modo automatico, grazie alla piattaforma di email marketing Matico, dei messaggi che contengono una breve anticipazione e un link all’articolo di riferimento.

Questo significa che gli articoli di maggior qualità vengono usati anche come contenuti da distribuire via mailing list.

Due piccioni con una fava!

Per comodità, riassumo comunque le idee che puoi sviluppare anche tu per la tua prossima newsletter:

  1. Corsi gratuiti
  2. Storie di successo dei tuoi clienti
  3. Testimonianze
  4. Novità del settore
  5. Promozioni
  6. Interviste a degli esperti

Questi, ed altri, sono i temi che puoi utilizzare sia per realizzare degli articoli di qualità, sia per creare i contenuti della tua newsletter.

Passo n 3: sii specifico

Sii Specifico: Come creare e gestire una Newsletter di successo

Quando si avvia un progetto nuovo, capita di avere la tentazione di trattare un vasto numero di argomenti (anche se legati alla nicchia che hai scelto) in modo da poter coinvolgere il più alto numero di utenti.

Tuttavia, mi sento di dire che questa è la strategie peggiore da seguire.

Se non fai parte di un’azienda grande, in grado di coinvolgere più professionalità nella pubblicazione degli articoli, allora devi pensare in piccolo. Nel senso di specifico.

Quando ho cominciato a pensare a quali argomenti includere nel sito a cui mi sto riferendo in questo articolo, il primo pensiero era quello di scrivere articoli su tutte le diete possibili ed immaginabili.

Ma poi, con il tempo, mi sono reso conto che, facendo le cose da solo, si trattava di un proposito troppo impegnativo.

Allora ho cominciato ha focalizzare la mia attenzione su argomenti più specifici. Ad esempio, se prima pensavo ad una nicchia che si occupava di diete in senso generale, ho poi cominciato ad occuparmi di sotto nicchie più specifiche.

I principali vantaggi nell’essere specifico sono diversi:

  • Il primo vantaggio è che riesci a diventare più velocemente esperto di un argomento circoscritto e specifico. Questo si avvertirà chiaramente nelle cose che andrai a scrivere
  • Il secondo vantaggio sarà quello che Google premierà i tuoi sforzi maggiormente in quanto comprenderà che il tuo sito si occupa bene, ed in modo completo, dell’argomento che hai scelto
  • Il terzo, che poi si riallaccia in modo diretto al tema di questo articolo, è che diventerai presto autorevole agli occhi dei tuoi lettori e degli iscritti della tua newsletter, in quanto dimostrerai di essere davvero competente a proposito di quello di cui stai parlando

I tuoi lettori percepiranno questo leggendo e rileggendo gli articoli pubblicati e dandoti fiducia quando sarà il momento di monetizzare la tua autorevolezza.

Per andare sul concreto, ecco come ho scelto la mia nicchia di riferimento.

Sono partito dall’argomento benessere, che come potrai intuire, è un settore enorme, direi sconfinato.

Dal benessere sono passato alla dieta, ma anche questo risultava un argomento ancora troppo vasto.  Dalle diete sono passato ad un argomento ancora più specifico, rappresentato dal tema dieta personalizzata.

Questa è stata la mia fortuna.

Passo n 4: dai più di quello che prometti

“Non promettere mai quello che non puoi mantenere, anzi. Dai di più di quello che prometti”

Questa è una frase pronunciata da Lou Holtz, un coach di football americano.

E cosa c’entra un allenatore di football americano con questo articolo?

C’entra eccome, ecco perché.

Cosa pensi possa succedere se, attraverso le pagine del tuo sito, prometti delle cose che poi non sei in grado di mantenere?

Semplice, perdi credibilità ed ogni possibilità di fare business.

E’ ovvio che un visitatore che fornisce il suo indirizzo in cambio, ad esempio, di un ebook si attende un certo tipo di contenuto. Ma se quell’ebook non mantiene la promessa e non risolve una specifica esigenza, l’utente non si fiderà mai di te, e non tornerà più.

Quindi assicurati 1, 10, 100 volte di soddisfare appieno le aspettative del utente, ma non ti fermare qui…

Ad esempio io faccio così. Il modulo per il calcolo del fabbisogno calorico soddisfa pienamente le aspettative dell’utente in quanto fornisce il valore che lui sta cercando, ma fa molto di più.

Infatti, ottenuto il risultato che cercava, ottiene due cose che non si aspettava di ottenere:

  1. Una guida su come realizzare una dieta personalizzata in base alle sue esigenze
  2. Il menu del lunedì redatto da un dottore dietista

In questo modo fornisco al visitatore molto di più di quello che lui stava inizialmente cercando.

E vuoi sapere la conseguenza di tutto questo?

Credibilità e autorevolezza! 

Passo n 5: scegli la piattaforma migliore

Piattaforma di Email Marketing: Come creare e gestire una Newsletter di successo

Se sei arrivato fino a qui, sai esattamente come realizzare i contenuti e come fornire valore reale per il tuo lettore.

Ora è necessario scegliere la piattaforma di email marketing che possa consegnare nel migliore dei modi i tuoi contenuti.

All’inizio della tua avventura, quando i numero degli iscritti è di poche decine di utenti, puoi utilizzare i classici programmi di posta elettronica coma Windows Mail, o Mail se utilizzi un Mac.

Quando però il numero di iscritti comincia ad aumentare, allora devi trovare qualcosa di professionale. E quando cominciamo a parlare di piattaforme professionali ci sono alcuni aspetti che non è possibile trascurare.

CONSEGNABILITA’

Il più grande nemico di una newsletter è lo spam. Quindi, il rischi che i tuoi messaggi vengano scambiati per messaggi non autorizzati, se non supportati nel modo corretto, è molto alto.

Questo significa, molto semplicemente, che nonostante tutti gli sforzi che fai per produrre contenuti di qualità, i tuoi messaggi non verranno mai letti.

E questo non puoi permettertelo!

I filtri anti spam sono sempre più aggressivi ed efficaci. I gestori delle caselle di posta elettronica (quelli dei tuoi iscritti) fanno di tutto per limitare il numero dei messaggi non perfettamente in regola.

Per questo motivo, anche se le tue intenzioni sono assolutamente legittime, e l’iscritto non aspetta altro che leggere le tue novità, c’è la possibilità che questo non avvenga.

Scegli quindi una piattaforma che sia perfettamente conforme con le politiche anti spam indicate dalle linee guida CAN-SPAM e che ti garantisca un “ambiente software” sempre performante e pulito da qualsiasi impedimento.

FACILITA’ D’USO

Ok, hai deciso di acquistare un servizio di email marketing, e adesso? Da dove cominci?

Questa sensazione di smarrimento potrebbe venire anche a te se non ti affiderai ad una piattaforma completa ma sopratutto facile da usare come Matico.

La facilità d’uso è certamente un parametro soggettivo, ma ci sono comunque alcuni aspetti da considerare preventivamente prima di scegliere il tuo fornitore.

Ad esempio, come preferisci apprendere l’uso di un nuovo servizio da utilizzare? Tramite video, articoli o un supporto telefonico?

E ancora, ti interessa sapere come ottenere tutto il meglio dalla piattaforma che adotti?

E poi, ti interessa essere sempre aggiornato ogni qual volta esce una nuova funzionalità o una nuova strategia per ottenere il meglio dalla tua Newsletter?

Se hai risposto sì a queste domande, allora sappi che Matico è tutto questo.

CONVENIENZA

Ok, ma alla fine quanto mi costa tutto questo?

Se hai cercato un po’ in giro, avrai visto che ci sono diverse piattaforme di email marketing, sia in Italia che all’estero.

E avrai certamente visto quali sono i prezzi che circolano nel settore.

Allora, giunto a questo punto avrai scoperto che Matico offre i prezzi più competitivi ed una serie di servizi che in pochi possono offrire.

Passo n 6: scegli il tuo stile

Scegli il tuo stile: come creare e gestire una Newsletter di successo

Una volta che i passi descritti in precedenza saranno chiari, giunge il momento di scegliere il tuo stile.

Per stile intendo dire l’aspetto grafico da dare ai tuoi messaggi.

Da questo punto di vista la mia idea è questa: semplicità!

Tutti noi riceviamo quotidianamente tantissimi messaggi, questo significa che il tempo che abbiamo da dedicare ad ogni singolo messaggio di posta diminuisce sempre di più.

Ecco perché io preferisco spedire messaggi che siano snelli da un punto di vista grafico. In molti casi preferisco inviare addirittura email di solo testo, che dai studi condotti, sono quelli che generano la più alta percentuale di coinvolgimento (lo spiego più approfonditamente tra poco…).

Per dare comunque una continuità visiva tra il mio sito e il messaggio che spedisco, l’unica immagine che includo è il logo del sito.

Detto questo, ci sono esigenze ed esigenze, pertanto, attraverso Matico, è possibile mandare sia messaggi di solo testo, sia email elaborate da un punto di vista grafico.

Tuttavia, una condizione a cui non puoi rinunciare, qualsiasi sia la scelta fatta, è che i tuoi messaggi devono essere mobile friendly.

La percentuale di lettori del tuo sito, e quindi dei messaggi, che usa dispositivi mobili può essere addirittura superiore al 70%. E se i destinatari dei tuoi messaggi che usano smartphone e tablet sono una piccola percentuale, stai sicuro che presto non sarà così.

E questo non lo puoi ignorare.

Spedire messaggi non responsive o mobile friendly significa rischiare di perdere oltre il 70% della propria audience.

Un messaggio responsive viene correttamente letto sia su un pc che attraverso un dispositivo mobile.

Passo n 7: fai soldi con la tua Newsletter

E’ qui che le cose si fanno interessanti!

Sto per raccontare infatti, come riesco a guadagnare con la mia newsletter praticamente ogni volta che lo voglio.

Prima però guarda attentamente questo screenshot preso dal mio account PayPal.

Come puoi vedere, in soli 7 giorni, sono riuscito a vendere per ben 10 volte la dieta personalizzata offerta sul sito, solo e soltanto tramite l’invio di 3 messaggi email strategici.

Ma questa immagine racconta solo il guadagno generato in una settimana, e non in un mese intero….

Sei curioso di sapere come ho fatto?

Ora ti dico.

Come già detto, ho circa 10.000 iscritti alla mia newsletter ai quali invio una newsletter 2/3 volte alla settimana.

Occasionalmente invio delle promozioni, tramite email, seguendo lo schema che segue:

  • GIORNO 1 – Introduzione alla promozione: in questo messaggio descrivo la promozione e i benefici del servizio/prodotto che intendo vendere. Nel mio caso mi riferisco ad un programma di dimagrimento completo che viene regolarmente venduto a 69€. La promozione invece consente di acquistarlo ad un costo di 47€.
  • GIORNO 2 – Non invio nessun messaggio
  • GIORNO 3 – Testimonial: in questo messaggio racconto una storia di successo di una cliente che ha aderito al programma di dimagrimento. Ovviamente il senso del messaggio è quello di fornire la prova che il programma funziona.
  • GIORNO 4 – Non invio nessun messaggio
  • GIORNO 5 – Reminder: quest’ultimo messaggio server per ricordare che l’offerta è in scadenza e che dopo poche ore il programma tornerà al prezzo pieno.

Questo è più o meno lo schema che utilizzo per lanciare una promozione. Ci possono essere mille varianti, ma di base faccio sempre così. L’immagine riportata sopra mostra come con una sola promozione sono stato in grado di generare 10 vendite per un totale di 470€.

470€ grazie all’invio di solo 3 messaggi!

Questa strategia, completamente automatizzata grazie a Matico, si basa quasi completamente sul concetto di scarsità.

L’iscritto deve percepire l’idea che l’offerta è in scadenza e che se non agisce al più presto, perderà la grande occasione di ottenere un prodotto di qualità ad un prezzo scontato.

Passo n 8: valutazione dell’efficacia della Newsletter

Questo passaggio è l’ultimo nella gestione di una Mailing List, ma è di fondamentale importanza.

Perché?

Perché la gestione di una Newsletter non è completa se non sei in grado di tracciarne i risultati e capire fino in fondo la sua efficacia.

Il tempo in cui si spedivano i messaggi di posta elettronica con la speranza che venissero letti è passato da molto.

Oggi ci sono strumenti assai affidabili per verificare in tempo reale l’efficacia di un messaggio.

Matico infatti consente di conoscere alcuni aspetti fondamentali quando si avvia una campagna di email marketing.

Alcuni di questi aspetti sono:

  • Percentuale di consegna del messaggio
  • Percentuale di lettura
  • Percentuale dei click che un messaggio genera

Conoscere esattamente questi valori permette di comprendere fino in fondo l’impatto della newsletter.

Ma come migliorare le percentuali sopra citate?

Tramite quello che viene definito A/B Testing.

Con questa funzione, ovviamente compresa nei pacchetti di Matico, è possibile sperimentare qualsiasi cosa. Potrai infatti inviare a due gruppi distinti di iscritti la stessa medesima email, variando solo, ad esempio, il titolo del messaggio.

Il messaggio che avrà registrato più aperture indicherà chiaramente quale sarà il titolo migliore.

Questo genere di test può essere fatto su ogni singolo componente del messaggio, anche sul colore dei pulsanti.

Facendo così sarai in grado di creare ed inviare dei messaggi sempre più efficaci.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *