Landing Page Efficace: cos’è e come si crea per ottenere delle conversioni stellari

Il discorso è molto semplice…..

Le Landing Page (o pagina di atterraggio) sono uno strumento a cui non è possibile rinunciare.

Il motivo è presto detto. Le Landing Page servono per:

  • Raccogliere le email dei prospetti
  • Vendere prodotti
  • Pubblicizzare un evento
  • Lanciare nuovi prodotti

Ma questi sono solo degli esempi, i più diffusi, perché ci possono essere altri 10 o 100 occasioni per poterle utilizzare con successo.

La caratteristica principale di una pagina di atterraggio è quella di essere pensata e realizzata per raggiungere uno specifico obiettivo.

E proprio per questo motivo, si tratta di una pagina il cui contenuto è esclusivamente pensato con il solo scopo di far compiere al visitatore l’azione richiesta (iscrizione, download, acquisto, ecc.).

Fatta questa piccola promessa, voglio anticiparti che in questo articolo spiegherò cosa è una Landing Page, il suo significato, come creare una Landing Page, sia nel caso in cui la si deve utilizzare per una campagna su Facebook, sia nel caso in cui debba essere pubblicata tramite WordPress.

E come ottenere sfruttarla nel migliore dei modi.

Cosa è una Landing Page?

Una Landing Page è una pagina ha come unico obiettivo quello di far fare al visitatore una specifica azione: effettuare una registrazione, iscriversi ad una newsletter (magari per condurre una campagna di email marketing), ad un evento, un webinar o acquistare un prodotto.

Perché ciò avvenga, la pagina di atterraggio deve comunicare il tuo messaggio nel migliore dei modi.

Solitamente, quando ne costruisco una per le mie campagne, cerco di tenere presente 8 fattori principali.

Si tratta di fattori standard e che quindi non sono legati a nicchie di mercato specifiche, ma che possono essere utilizzati da tutti, indistintamente.

In una pagina di atterraggio fatta ad hoc, non ci deve essere nulla di superfluo.

Infatti, il lasso di tempo per catturare l’attenzione dei visitatori online è sempre minore.

Come dimostra uno studio recente, la nostra capacità di attenzione è diminuita in modo drastico, fino a raggiungere una media di soli 8 secondi

Come creare e fare una Landing Page efficace (esempi)

Creare delle Landing Page può essere semplice, creare delle Landing Page efficaci può essere più complicato, ecco una lista di fattori che non è possibile ignorare con esempi di Landing Page reali

1 – Comprendi le esigenze dei potenziali clienti

Chi è un bravo venditore? Quello che comprende le esigenze della persona che ha davanti e sa come soddisfarle.

Tuttavia non è facile trovare le persone giuste, quelle che hanno bisogno dei tuoi prodotti, anche se ce ne sono tante e tu sei pronto ad aiutarle.

Il segreto è quello di preparare, attraverso la pagina di atterraggio , un messaggio che vada diritto al punto: un messaggio che risponda in modo inequivocabile alla specifica esigenza del visitatore.

Esempio: il visitatore ha l’esigenza di trovare la migliore offerta per l’assicurazione della propria automobile.

La landing Page di Facile.it è quella che segue:

Landing Page Efficace Esempio: Facile.it

Come vedi, la pagina risponde esattamente all’esigenza del visitatore che vuole poter confrontare le diverse offerte online tra cui scegliere la migliore.

Vuoi vedere una landing page fatta davvero male? Guarda l’immagine che segue

Come puoi vedere, si tratta di un operatore molto importante (Segugio.it), noto ai più anche grazie agli spot televisivi, ma che in questo caso, non sta facendo certo un buon lavoro.

Si tratta di una pagina di atterraggio piena di distrazioni, graficamente brutta e decisamente difficile da mettere a fuoco.

Landing Page Efficace Esempio: Segugio

2 – Call To Action

Supponi di aver creato una pagina che risponde esattamente alle esigenze del visitatore ma continui a registrare delle basse conversioni. Da cosa può dipendere?

Probabilmente dalla Call to Action.

Di cosa si tratta?

Per comprenderlo ti ricordo che l’obiettivo di una landing page è quella di far compiere una specifica azione al visitatore.

La Call to Action (che tradotto significa chiamata all’azione) è l’azione che deve compiere il visitatore per completare una conversione. Qualsiasi essa sia.

Devi cioè spiegare, passo dopo passo, quale è la procedura da seguire per scaricare un ebook, per iscriversi ad un Webinar o per acquistare un ebook.

Per farlo possono essere utilizzati stratagemmi. E in questo senso puoi utilizzare sia delle immagini che del testo.

Esempio: il visitatore ha l’esigenza di trovare la migliore offerta per attivare l’adsl per la propria abitazione.

Fastweb, come puoi vedere dall’immagine che segue, utilizza una Call to Action chiara e visibile

Landing Page Efficace Esempio: Fastweb

Il pulsantone verde emerge in modo evidente.

3 – Contenuto di valore

Ricorda sempre che una Landing Page ha lo scopo di generare uno scambio.

Il visitatore fornisce i suoi dati (principalmente il suo indirizzo email) in cambio di qualcosa: un ebook, un video, o, addirittura un prodotto a pagamento.

Affinché questo scambio avvenga è necessario, anzi indispensabile, che il valore percepito dal visitatore di quello che sta per ottenere sia molto alto.

Più alto di quello che lui sia disposto a dare in cambio (l’indirizzo email appunto…).

Quali sono le caratteristiche dell’offerta che proponi attraverso la landing?

  1. L’offerta deve essere rilevante
  2. L’offerta deve specifica
  3. L’offerta deve essere di qualità

Rilevante: la tua proposta deve essere strettamente legata al motivo per cui l’utente sta visualizzando la pagina. Se prometti un una strategia che faccia aumentare i visitatori al proprio sito, questo è quello che il tuo ebook deve contenere.

Specifica: quando si realizza un sito web, sono molti gli aspetti che si devono comprendere e sviluppare. Ad esempio dovrai realizzare un sito responsive, affinché venga correttamente visualizzato dai differenti dispositivi in commercio (computer, smartphone e tablet).

Ma deve essere anche User Friendly, deve cioè essere facile da navigare. Poi deve essere anche visibile sui motori di ricerca. La tua proposta quindi, non deve comprendere tutti questi aspetti, ma solo uno.

Qualità: quando fai una promessa, la cosa peggiore che può succedere è che non sei in grado non mantenerla.

Immagina la delusione dell’utente che fornisce il proprio indirizzo in cambio di un ebook di scarso valore.

La conseguenza di questo è che, deludendo il lettore, avrai perso definitivamente l’occasione di trasformarlo in cliente. Quindi, affronta un tema rilevante agli occhi dell’utente, realizza un offerta specifica e sopratutto crea un documento di qualità che sia davvero in grado di risolvere un problema del lettore.

4 – Testo della landing Page

Come avrai intuito, una pagina di atterraggio è caratterizzata essenzialmente da due aspetti: il testo e la grafica. In questa sezione parlo di contenuti.

TITOLO: Il titolo della Landing Page svolge un ruolo importante: deve mantenere  l’attenzione del visitatore che non deve andarsene. Ma non solo, deve essere in grado anche di alimentare questa intenzione e spingere l’utente a leggere il resto della pagina oppure a compiere qualche azione specifica.

Esempio, se sei alla ricerca di un offerta adsl conveniente, crea un titolo accattivante come “Offerte ADSL: scopri quanto puoi risparmiare in un anno” come nell’esempio che segue

Landing Page Efficace Esempio: SuperMoney

Se il titolo fosse stato semplicemente “Offerta ADSL”, sarebbe stato certamente meno accattivante, non è vero?

BENEFICI: ricorda che quando effettui un acquisto, quello che interessa maggiormente al cliente sono i benefici che quell’acquisto genera, non il prodotto fine a se stesso.

Quando cerchi un servizio ADSL, quello che ti interessa non è il fornitore ma sono i benefici di cui usufruirai.

Proprio per questo motivo, l’esempio di pagina che vedi nell’immagine precedente, riassume questo concetto.

Sia attraverso il sotto titolo, sia attraverso il box grigio, vengono messi in evidenza i benefici che si avranno utilizzando questo tool (tariffa più conveniente, confronta operatori, risparmio di 400€….)

TESTO FACILE DA LEGGERE: io sono per delle landing page super snelle, fatte di poco contenuto e poche immagini.

A me piacciono delle Landing Page super specifiche e dunque non amo mettere troppo testo.

Il lettore non dovrebbe leggere troppe parole, se è arrivato fino alla vostra pagina è perché ha un obiettivo preciso da raggiungere, ottenere qualcosa.

Tuttavia, mi rendo conto che ci sono tante situazioni diverse e che per questo motivo è consigliato, a volte, aggiungere più testo alla pagina di atterraggio in modo da poter fornire ulteriori informazioni.

In questo caso, raccomando sempre di scrivere il meno possibile, ma se necessario è bene farlo in un determinato modo.

Organizzare bene il testo, sopratutto se lungo, è importante.

Utilizza gli strumenti della formattazione del testo per far uso degli elenchi puntati e numerati.

Crea dei paragrafi molto corti perché questo aiuta il lettore che visualizza la pagina su uno smartphone.

5 – Immagini della landing Page

L’aspetto visivo di una landing page è importante.

Quando cominci a pensare a come sarà l’aspetto (oltre al contenuto) della pagina che stai per realizzare, devi pensare ad un immagine che sia strettamente legata ad essa.

Ma che significa strettamente legata?

Un’immagine può essere collegata all’obiettivo della tua landing page in modi differenti.

Se prometti di scaricare una strategia di advertising su Facebook, un ebook che riporta i colori e il logo di Facebook, sarà certamente un vantaggio.

Ma l’immagine può essere collegato anche in un altro modo.

Può, ad esempio, far capire quale sarà il tuo stato d’animo dopo aver compilato una form.

La landing page, di cui segue l’immagine, comunica la serenità che si prova dopo aver aderito alla vantaggiosa offerta di Linear

Landing Page Efficace Esempio: Linear

Non saresti anche tu più sereno e felice se potessi risparmiare il 40% sulla tua polizza?

🙂

6 – Come creare la form per la raccolta dati

Anche per quanto riguarda la form da inserire nella pagina di atterraggio preferisco inserire meno campi possibile, tanto è vero che a volte inserisco solo e soltanto il campo “indirizzo email” oltre al pulsante invia…..

Ma, anche in questo caso, non posso dire che esiste un numero perfetto di campi da inserire, tutto dipende dall’obiettivo della form.

Se quello che vuoi ottenere è il solo indirizzo email, allora inserisci solo quel campo.

Nel caso in cui, per raggiungere uno scopo preciso, ti serve anche il nome e cognome, e magari anche il numero di telefono, non esitare ad inserirli nella form.

L’unica raccomandazione che mi sento di fare è quella di utilizzare il numero minimo di campi per aumentare il grado di conversione della landing page.

Una form non è fatta solo di campi da riempire ma anche dal pulsante per inviare il suo contenuto.

Il pulsante può essere fatto da solo testo (es: Invia), oppure è possibile personalizzare il pulsante con un immagine che attragga l’attenzione.

Nell’immagine della Landing Page della Linear, compare un pulsante evidente con la scritta FAI IL PREVENTIVO.

In questo caso, oltre ad fungere anche da Call To Action, il pulsante di Linear richiama l’attenzione dell’utente, anche da un punto di vista visivo.

Scrivere  FAI IL PREVENTIVO è certamente più efficace rispetto ad un anonimo Invia.

7 – Principio di scarsità

Landing Page Efficace Esempio: scarsità

Per comprendere bene quale può essere il ruolo della scarsità nella conversione di una landing page, è bene comprendere il suo significato da un punta di vista psicologico.

La scarsità è il desiderio di avere qualcosa che hai paura di perdere o di non riuscire ad ottenere. La paura di perdere qualcosa è un fortissimo motivatore.

Questo concetto applicato ad una pagina di atterraggio può convincere il visitatore che l’offerta in corso è limitata e quindi a spingerlo a cliccare il pulsante acquista.

Ci sono essenzialmente due strategie per applicare il concetto di scarsità alla tua offerta:

  1. Quantità: quando, ad esempio, ci sono a disposizione sono poche copie del tuo libro
  2. Tempo: quando invece l’offerta è disponibile solo per poche ore

Applicando queste strategie nel modo corretto, aumenterai notevolmente le conversione delle pagine.

E’ importante però specificare che ricorrere costantemente a queste strategie sul tuo sito potrebbe avere un effetto di assuefazione, diminuendo così la loro efficacia nel tempo.

8 – Layout della Landing Page

Questa sezione raccoglie e unisce tutti i consigli descritti fino ad ora.

Sarà quindi necessario realizzare una pagina che sia in grado in pochi secondi di:

  1. Rilevante
  2. Specifica
  3. Chiara

In pochi secondi il lettore deve capire esattamente di cosa stai parlando e di quali sono gli step che deve compiere per ottenere quello che hai promesso.

Proprio per questo motivo, alcuni elementi presenti nelle pagine tradizionali devono essere rimossi.

Mi rivolgo soprattutto al menu di navigazione.

Ci sono infatti tanti studi che dimostrano come il menu di navigazione sia un elemento di distrazione.

E’ possibile infatti che qualche visitatore clicchi su di esso abbandonando la tua landing per sempre….

Quindi, toglilo di mezzo.

Inoltre, se vuoi che i visitatori siano in grado di compilare la form, al di là del dispositivo che utilizzano (pc, smartphone o tablet), fai in modo che la pagina sia responsive.

Questo metterà in condizione ogni di visitatore di visualizzare nel modo corretto la pagina e soprattutto di inserire agevolmente i dati richiesti.

Ora, la piattaforma che utilizzi per la gestione delle Landing Page, dovrebbe, come nel caso di Matico, piattaforma evoluta di email marketing, consentiti di creare della pagina responsive in automatico, tuttavia è meglio che controlli sempre due volte prima di pubblicarla.

Solitamente io uso questo tool gratuito per verificare come una pagina, che ho appena realizzata, sia effettivamente responsive.

Una volta che il visitatore avrà terminato di compilare la form, solitamente viene rediretto verso quella che viene comunemente chiamata Thank-you page.

Si tratta della pagina attraverso la quale confermi che la form è stata compilata nel modo corretto.

Ricordati che anche questa deve essere responsive!

Quando e perché è consigliato l’uso di una Landing Page?

Come è ovvio, gli usi delle Landing Page possono essere molteplici.

E se ti stai chiedendo perché utilizzarle, la risposta è molto semplice: perché aiutano a ad aumentare le conversioni.

La ragione principale è dovuta all’essenza stessa delle landing.

Si tratta infatti di pagine altamente focalizzate su di un singolo obiettivo che coincide con il motivo per cui un visitatore la sta visualizzando.

Se ad esempio stai vendendo uno specifico prodotto (es: corso per diventare Fashion Blogger), allora, per aumentare il numero degli iscritti, devi utilizzare una pagina esclusivamente dedicata alla raccolta dei contatti.

Molti studi indicano come l’uso delle pagine di atterraggio aumenta notevolmente le conversioni.

Ma quando ne è consigliato l’uso?

Vengo dritto al punto, ecco quando uso principalmente una landing page:

  1. Annunci a pagamento tramite AdWords
  2. Annunci a pagamento tramite Facebook
  3. Download di un ebook
  4. Iscrizione ad un Webinar

Annunci a pagamento tramite AdWords: quando gli annunci sono a pagamento (come nel caso dell’uso di AdWords), le cose si fanno complicate.

La landing page da utilizzare con gli annunci di AdWords è uno strumento fondamentale per ottenere la conversione desiderata.

Il fattore più importante in questo caso è la rilevanza. E questa si ottiene uniformando 3 cose tra di loro:

  1.  Keyword che fa apparire l’annuncio
  2. Testo dell’annuncio
  3. Titolo e testo della Landing Page

Annunci a pagamento tramite Facebook: qui vale lo stesso discorso fatto in precedenza. Per far apparire un tuo annuncio su Facebook è necessario pagare e quindi è d’obbligo ottimizzare la sua resa. Per ottenere questo direi che devi far riferimento alle caratteristiche che seguono:

Continuità visuale: la prerogativa di un annuncio su FB è soprattutto visuale. Per questo motivo, utilizza i stessi colori, le stesse immagini che usi con l’annuncio. Questo continuità visuale è sopratutto importante nel caso in cui il visitatore utilizza uno supporto mobile.

Guarda l’ottimo esempio che segue. Questo è l’annuncio su Facebook:

Landing Page Efficace Esempio: Facebook Annuncio

Questo è la pagina di atterraggio che l’utente visualizza dopo aver cliccato sull’annuncio.

Landing Page Efficace Esempio: Facebook Annuncio

Capito cosa intendo, no?

Download di un ebook: in questo caso l’obiettivo della landing page è chiaro. L”utente deve scaricare un ebook in cambio del suo indirizzo di posta elettronica. Per ottenere questa conversioni, i fattori di cui devi tenere conto sono:

  1. Titolo della pagina
  2. Sottotitolo
  3. Descrizione
  4. Immagine

Tutti questi fattori devono essere unicamente focalizzati sul contenuto e sopratutto sui benefici che si otterranno una volta ottenuto l’ebook.

Iscrizione ad un Webinar: chi fa marketing online sa sicuramente che ad oggi non c’è un sistema più efficace dell’uso dei webinar per ottenere clienti. Questo dovrebbe far capire come sia importante quindi ottimizzare a dovere una pagina di atterraggio ideata per l’iscrizione ai webinar.

Direi che i fattori importanti sono sostanzialmente quelli descritti nel caso degli ebook.

Qui aggiungerei come fattore importante quello di utilizzare un elenco puntato o numerato in cui vengono elencati i principali argomenti che verrano trattati nel webinar.

E magari anche un brevissimo video che introduca qualche elemento che susciti e stimoli ancora di più l’attenzione del visitatore.

Hai qualche altro strategia di cui tener conto quando costruisci una Landing Page?

Fammelo sapere nei commenti.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *