guida seoVi siete mai chiesti perché nel momento in cui effettuate una ricerca, Google o un altro motore di ricerca, tra i milioni di siti recensiti vi propone solo alcuni di essi? La risposa è semplice: Search Engine Optimization da cui l’acronimo seo.

Dunque, quale è il significato del termine Seo? Significa far riferimento a tutte quelle strategie che aumentano il posizionamento di un sito sui motori di ricerca.

Il Search Engine Optimization è solo una parte del Web Marketing, che è l’insieme di diverse strategie che servono per dare visibilità su Internet (motori di ricerca, pubblicità a pagamento, video marketing, social marketing ecc).

Perché è importante applicare queste strategie per il proprio sito? Perché solo in questo modo si riesce a garantire visibilità e traffico verso le proprie pagine. Tuttavia non basta ottimizzare il proprio sito per riuscire ad essere visibili, quello che è necessario è farlo meglio dei propri concorrenti. Infatti, i risultati di un interessante studio condotto da moz.com ci indicano senza ombra di dubbio perché è vitale comparire entro i primi 10 posti dei risultati.

Rapporto dei click in funzione della posizione dei risultati di ricerca

Rapporto dei click in funzione della posizione dei risultati di ricerca

Dai dati raccolti, appare evidente come la prima posizione su Google, garantisca oltre il 50% del traffico, mentre la posizione n 10 garantisca il 9% del traffico potenziale. Dalla seconda pagina in poi, il traffico crolla sensibilmente.

A questo punto immagino che vi stiate domandando, ma come si ottimizza un sito per i motori di ricerca? La risposta deve essere necessariamente un po’ articolata. Infatti, sono molti i fattori che determinano l’ottimizzazione di un sito e le sue pagine. E va detto anche che con il tempo questi fattori sono cambiati, alcuni aumentando la loro valenza, altri invece perdendo quasi completamente il proprio valore. E’ opinione comune, o comunque della stragrande maggioranza degli esperti, che i principali fattori in ordine di importanza sono:

  1. BackLink (link su siti esterni diretti verso un sito)
  2. Keyword (parole chiave presenti nel nome del dominio, nei tag title e description e nel contenuto della pagina)
  3. Segnali Sociali (Like, Tweet, Google +)
  4. User Expirience (Tempo di visita, Bounce Rate, Immagini, Video)

Se a prima vista questi fattori non vi dicono nulla, vi garantisco che essi decidono e condizionano le sorti di un sito. Sarà mia premura spiegarvi, non solo il loro significato, ma anche come gestire e disporre di questi fattori a proprio piacimento.

Al fine di avere una idea generale su come procedere per realizzare un sito di successo, è necessario stabilire un percorso che deve necessariamente partire dalla ricerca delle parole chiave.
INDICE GUIDA

1) Ricerca delle parole chiave: tutti quelli che ti hanno detto che questa fase è fondamentale, hanno ragione. E’ proprio così. Questa fase è immaginabile come la scelta del terreno su cui andremo a costruire una casa. Se il terreno non è idoneo, la casa crollerà presto! Quindi scegliere le giuste parole chiave significa gettare le basi del successo del sito nel breve e nel lungo periodo.

2) Struttura del sito: la struttura del sito è strettamente collegata al risultato ottenuto dal precedente passaggio. La lista delle parole chiave individuate dovrà essere utilizzata per immaginare e realizzare la struttura del sito. In pratica la o le parole chiave più importanti dovranno essere associate alle pagine più importanti, mentre le parole chiave meno importanti saranno associate a pagine più periferiche.

3) Seo e WordPress: in questa sezione, dal momento in cui sono solito sviluppare i miei progetti utilizzando WordPress, spiego esattamente quali sono i passi che seguo per ottimizzare questa piattaforma e quali sono i plugin di base che utilizzo. WordPress è un cms eccellente ma che non è ottimizzato per il seo così come viene fornito, ci sono alcuni accorgimenti da seguire….

4) Ottimizzazione Seo: questa sezione rappresenta un po’ lo stadio finale della realizzazione del sito. E deve essere applicata sia per coloro che decidono di utilizzare WordPress, sia per coloro che utilizzano altri sistemi per la gestione del sito e delle sue pagine. Si tratta di tecniche on site, fatte cioè direttamente sulle pagine, sia di tecniche off site, cioè fatte e applicate esternamente al sit

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *