Svelata l’esatta strategia per realizzare un sito in 5 giorni, posizionarlo in prima pagina su Google e farlo fatturare 50.000 euro al mese. 

In questo articolo descrivo esattamente tutti i passaggi che mi hanno permesso di posizionare in solo 5 giorni il sito http://www.corsomassofisioterapia.com/ in prima pagina su Google. Descriverò nel dettaglio, senza nascondere assolutamente nulla, tutti i passaggi grazie ai quali ho realizzato il sito e le strategie seo che ho applicato.

Cercherò di spiegare tutto nel modo più chiaro e semplice possibile in modo da permettere a chiunque di replicare i risultati descritti. Ovviamente, pur utilizzando un linguaggio meno tecnico possibile, sarà certamente più facile seguire questo tipo di guida da parte di chi ha una certa familiarità con i temi trattati.

Come avrete capito dal nome di dominio, l’obiettivo da raggiungere era quello di  lanciare e promuovere il corso di massofisioterapia che l’azienda committente stava per lanciare. Faccio presente che il corso ha la durata di tre anni e il costo di adesione è superiore ai 10.000 euro.

[su_animate type=”bounceIn” delay=”1″] [su_note]

preset_40_1

Scarica il numero di Febbraio di SeoLogico Magazine per completare la lettura di questo articolo.  Compila la form che segue per ricevere subito le istruzioni per scaricare il file pdf della rivista. In questo modo potrai leggere comodamente gli articoli presenti nella rivista sul tuo computer oppure sul tuo tablet.

[/su_note] [/su_animate]

RICERCA PAROLE CHIAVE

Una volta terminato l’incontro con il committente, mi metto subito al lavoro cercando di farmi un idea su quali sono le parole chiave più utilizzate dai possibili clienti. Ovviamente inizio con lo strumento che Google ci mette a disposizione: AdWords Keyword Planner (https://adwords.google.com/ko/ KeywordPlanner/Home)

Come tutti (o quasi) sapranno, questo è uno strumento che consente di conoscere quali sono i termini di ricerca più utilizzati dagli utenti presso Google.

In questo caso, ho inserito il termine specifico “corso di massofisioterapia” per cominciare a farmi un idea (A FIG1). Se invece avessi conosciuto di più l’argomento, avrei potuto inserire più termini contemporaneamente per aumentare il numero di suggerimenti ricevuti da Google. L’unica  personalizzazione che ho fatto è quella di aver scelto la Lingua Italiana e l’Italia come paese di riferimento (B FIG1).

AdWords Keyword Planner Il risultato che ho ottenuto è inizialmente troppo generico. Google mi suggerisce termini che al momento non mi servono come per esempio il termine riflessologia plantare. Allora torno indietro e inserisco il termine massofisioterapia e massofisioterapista, separati da una virgola nell’opzione Inclusione/esclusione termini (C FIG1). Questo mi permette di circoscrivere i risultati ed ottenere suggerimenti tutti strettamente legati al termine massofisioterapia e/o al termine massofisioterapista.

Il risultato che ottengo è più mirato al mio obiettivo. Farò in tempo ad allargare nuovamente la ricerca in un secondo momento qualora sia necessario aumentare il numero delle keyword che faranno parte della mia lista iniziale.

In particolare vedo che il termine corso di massofisioterapia è stato utilizzato nell’ultimo mese circa 110 volte, mentre il termine corso massofisioterapista genera 210 ricerche al mese. Non un granché.

A questo punto faccio una selezione delle keyword che indicano chiaramente che chi sta facendo la ricerca è alla ricerca di un corso o di come si diventa massofisioterapisti.

Infatti, il termine massofisioterapia non lo scelgo sebbene utilizzato 1000 volte ogni mese, perché non indica l’intenzione di partecipare ad un corso di massofisioterapia. Invece, i termini che seguono, indicano chiaramente il desiderio di partecipare, di iscriversi o di informarsi sul corso.

corso massofisioterapista 210
corso di massofisioterapia 110
scuola di massofisioterapia 90
scuola massofisioterapia 90
corsi di massofisioterapia 70
massofisioterapista triennale 70
corsi massofisioterapia 70
diploma massofisioterapista 70
massofisioterapia corsi 50
massofisioterapista corso 50

VALUTAZIONE COMPETITIVITÀ DELLA NICCHIA
Come si può intuire facilmente dal numero di ricerche complessive, stiamo parlando di una nicchia di mercato molto, molto piccola. Tuttavia gli alti costi di adesione del corso la rendono comunque molto profittevole. Ciò che ho fatto al passaggio successivo è quello della verifica della competitività. Questo per capire se il lavoro di ottimizzazione avrebbe dato dei risultati nel breve (settimane o uno o due mesi) o nel lungo periodo (diciamo oltre i tre mesi di lavoro). Per valutare questo aspetto, ho installato il plugin SEOQUAKE sul mio browser (per approfondire l’argomento leggi l’articolo Verifica della competizione di una keyword: SeoQuake) e ho cominciato a fare la verifica per ogni singola keyword della mia lista.

Da un punto di vista operativo ho seguito questa procedura. Ho preso il termine corso di massofisioterapia e l’ho digitato su google.it e cominciato ad osservare i risultati ottenuti (FIG2).

corso massofisioterapia Il primo dato è che Google mi dice che per il termine utilizzato ci sono 47.900 pagine “concorrenti”. Non molte se si considera che per esempio, per il termine spazio web ci sono 4.350.000 pagine concorrenti.
Poi ho cominciato a valutare altri fattori, come il page rank, i backlink, i like, tweet e i +1 di google plus delle pagine posizionate tra le prime 10 (A FIG2). Questi valori sono quelli che valuto sempre per capire se una nicchia di mercato è competitiva oppure no.
Grazie al plugin SEOQUAKE riesco ad avere una visione generale e veloce delle competitività della nicchia e capisco subito che per il termine utilizzato, è possibile ottenere dei risultati nel breve periodo. Ovviamente non posso sapere se si tratta di giorni, una settimana o due. Questo è un aspetto che scoprirò solo con il tempo.
Come da FIG2 vedo che solo pochi siti hanno un page rank oltre il due, tutti gli altri hanno page rank 0 o addirittura n/a (sito appena creato o di scarso valore).
Per quanto riguarda i backlink (altro fattore che tengo molto in considerazione) vedo che tutti i siti hanno valori davvero molto bassi. Questo è un aspetto incoraggiante perché non sarà difficile ottenere velocemente un numero di backlink superiori ai concorrenti.
Lo stesso risultato lo ottengo valutando anche i valori legati ai like, tweet e google +, fattori che Google ora tiene molto in considerazione.
Le analisi fatte mi dicono, senza ombra di dubbio, che il posizionamento di un nuovo sito in questa nicchia non dovrebbe essere complesso. Anzi.

SCELTA NOME DOMINIO
Una volta fatte le verifiche sulla competitività delle parole chiave è necessario o sviluppare una campagna seo per un dominio già esistente, oppure decidere, come in questo caso, di registrare un nuovo dominio.
Dopo gli ultimi aggiornamenti fatti da Google al proprio algoritmo, sono in molti ad affermare il fatto che i domini contenenti le keyword (EMD o exact match domain) non siano più efficaci come un tempo. Secondo me, che che se ne dica, lo sono ancora e per questo motivo decido di registrare il dominio www.corsodimassofisioterapia.com

INSTALLAZIONE WORDPRESS
Per la flessibilità che ho e per gli infiniti plugin di cui dispone, decido di installare ed utilizzare WordPress per la gestione del sito. Per la sua installazione e la sua ottimizzazione vi suggerisco di leggere la pagina http://www.seologico.it/seo-per- wordpress/
Questa lettura vi indichà le semplici procedure da seguire per la corretta installazione di WordPress e i plugin essenziali per rendere il CMS seo friendly.

CREAZIONE CONTENUTI/PAGINE
Visto il così basso numero di parole chiave scelte, molte delle quali sono
delle semplici combinazione dei termini corso, massofisioterapia e massofisioterapista decido che non sono molte le pagine da realizzare e i contenuti da sviluppare.
Ed in effetti decido di realizzare una homepage ottimizzata per le keyword corso di massofisioterapia e massofisioterapista. Inoltre, decido di creare anche una pagina generica sulle tecniche del massaggio oltre a realizzare alcune classiche pagine come RICHIEDI INFORMAZIONI, CONTATTACI e PRIVACY. In tutto dunque 5 singole pagine, tre delle quali senza contenuti specifici. Un vero e proprio micro sito.
Qui potrei aprire una polemica con tutti quelli che ti dicono che, per posizionarti in prima pagina su Google devi realizzare un sito di qualità. Stupidaggini!
Sebbene realizzare un sito di qualità, alla lunga ha i suo innegabili benefici, il case study di cui vi sto parlando, è una prova provata che la qualità del sito NON sia vincolante al posizionamento ottenuto.
In futuro, mi riprometto di riprendere il discorso e di documentarlo in modo più approfondito.

CONVERSIONI
In teoria, chi si occupa di seo deve solo preoccuparsi di rendere il sito visibile per i termini più pertinenti evidenziati durante la ricerca delle parole chiave. Le dinamiche del traffico, una volta che il visitatore ha raggiunto il sito, non dovrebbero più riguardare l’esperto SEO, ma piuttosto colui che si occupa della realizzazione grafica e contenutistica del sito.

Tuttavia, se si vogliono ottenere dei risultati per i propri siti o per quelli dei propri clienti, è necessario pensare e mettere in campo delle strategie che facciano convertire i visitatori in contatti e in potenziali clienti.
Per questo motivo, contestualmente al posizionamento del sito, mi sono preoccupato anche di ottenere maggior contatti possibili da fornire al committente (che poi era l’obiettivo finale). Questo per fargli capire che non solo era stato fatto un ottimo lavoro di posizionamento, ma anche che il sito era stato concepito in un modo tale che i visitatori erano spinti a contattare l’azienda di corsi di formazioni per avere maggiori informazioni.

La strategia è stata quella di non mettere il prezzo del corso, e di non dare molte informazioni su come e dove il corso veniva tenuto. Allo stesso tempo ho fatto in modo che la parola GRATIS fosse messa in bella evidenza. Questo doveva servire come richiamo al modulo di informazioni che poteva essere compilato senza nessun vincolo da parte del visitatore.

Ed in effetti la strategia ha funzionato. Nei gironi di massimo afflusso 70/80 visite al giorno, il modulo contatti è stato compilato anche 10/15 volte. Per un tasso di conversione vicino al 20%. Davvero un ottimo risultato considerando che la media di conversione difficilmente raggiungono un tasso del 5%.

ANALYTICS
Per misurare i risultati ottenuti è necessario utilizzare un sistema di statistiche attendibile e collaudato. Per questo motivo non posso non far riferimento a Google Analytics e a Google Webmaster Tools. Insieme, questi strumenti, mi forniscono tutte le informazioni di cui ho bisogno. Sia valori come il numero di
visite, il tempo di visita e la frequenza di rimbalzo, ma anche e soprattutto alle keyword che fanno confluire visite e contatti al sito.

Ripercorrendo le tappe di questa campagna seo, è possibile capire come si sia trattato di un vero successo, ottenuto in un lasso di tempo brevissimo.
Registrazione dominio: 09/04/2013 Pubblicazione contenuti: 11/04/2013 Creazione primi backlink: 11/04/2013 Primo passaggio di Google Bot: 12/04/2013
Prima visita dalla SERP di Google: 16/04/2013 (posizione numero 8 per il termine corso di massofisioterapia)
analyticsQuesto significa come il sito è comparso in prima pagina su Google solo dopo 5 giorni dal passaggio del suo spider (FIG3). Nei giorni che sono seguiti, le visite e i termini con cui il sito è raggiungibile sono aumentate velocemente garantendo un buon traffico.
Ad oggi, nonostante non abbia più provveduto ad incrementare il numero di backlink fatti nel primo mese (fase che verrà descritta nel dettaglio nel passaggio successivo), il sito http:// www.corsomassofisioterapia.com/ è posizionato su Google in prima pagina per 47 parole chiave. Vedi FIG4

termini-di-rcierca

FIG 4: CLICCA PER INGRANDIRE

Gli screenshot sopra riportati sono presi direttamente dall’account di Google Analytics, e per questione di spazio, abbiamo solo preso le prime posizioni e le ultime. L’ultima colonna a destra si riferisce alla posizione media delle keyword nella SERP di Google. Come molti di voi sapranno, Google non fornisce identici risultati a chi effettua le stesse ricerche, ma le modula secondo fattori differenti che spiegherò un’altra volta. Quindi, quel valore è la posizione media per tutte le ricerche effettuate con un termine specifico. Ad esempio, la posizione media per il termine corso massofisioterapia è pari a 2,7.

LINK BUILDING
E’ tutta una questione di link. Questo è un concetto che ripeterò spesso e ad oggi è secondo me, e non solo, l’aspetto in assoluto in più importante in ogni campagna seo. La costruzione dei backlink diretti verso il sito che si vuole promuovere e posizionare è di FONDAMENTALE IMPORTANZA.

Per continuare a leggere l’articolo compila la form che trovi in cima o in fondo a questa pagina.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *